Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Pubblicità
Pubblicità

Oltre 200 appuntamenti culturali durante il semestre di Presidenza italiana dell’UE

Dopo Autunno Americano, il programma dedicato al Novecento d’oltreoceano nel 2013, Anno della cultura italiana negli Stati Uniti, e Primavera di Milano, il calendario incentrato sulla tradizione artistica e culturale della nostra città e sugli artisti che hanno contribuito

a formarne l’identità, il prossimo palinsesto autunnale, Milano Cuore d’Europa, accompagnerà la vita culturale milanese durante il semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea, valorizzando le figure, gli artisti e i movimenti che hanno contribuito a costruire l’identità della cittadinanza europea.
 Tre i nuclei forti del palinsesto, che si snoda dal 15 settembre al 31 dicembre 2014 raccogliendo intorno al tema dell’identità europea oltre 200 appuntamenti:

 una serie di eventi espositivi dedicati all’arte europea, tra cui le grandi retrospettive di Chagall e di Segantini a Palazzo Reale, la mostra dedicata a Giacometti alla GAM e al Novecento il dialogo tra Lucio Fontana e Yves Klein;
 per il focus Orchestre d’Europa, 36 concerti eseguiti in diversi spazi e teatri milanesi, eseguiti da importanti formazioni europee: dall’Orchestra Filarmonica Ceca alla Filarmonica della Scala, dalla Kremerata Baltica alla B’rock Baroque Orchestra, dalla Sinfonieorchester Wuppertal alla Nordwestdeutsche Philarmonie;
 25 spettacoli che costituiscono la programmazione del Piccolo Teatro d’Europa, nella quale è stata dedicata molta attenzione ai temi cruciali del nostro tempo: dalla riflessione sulle guerre europee alla lotta per la legalità e contro tutte le mafie.
 "Con la creazione di questo nuovo palinsesto stiamo rafforzando un modello - dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno -. Promuovere la produzione artistica e culturale di una città fertile come Milano su temi condivisi e di grande attualità politica o sociale, raccoglierla e comunicarla con efficacia con un forte impegno su tutti i media e i social, sta diventando un paradigma per la organizzazione della proposta culturale della nostra città. Un modello che non solo funziona, assicurando visibilità e quindi successo alle iniziative che fanno parte dei palinsesti, ma guida il cittadino e il visitatore lungo un percorso di approfondimento culturale, di spettacolo e anche di divertimento fortemente legato alla città, alla sua storia e alla sua identità. E quindi al suo presente e al suo futuro. Un’esperienza che costituisce un ulteriore passo di avvicinamento concreto al progetto Expo in Città, che ci vedrà impegnati da maggio ad ottobre 2015".

 Anche Milano Cuore d’Europa, come i precedenti palinsesti, declina i suoi appuntamenti in 8 sezioni: Art, Performance, Leonardo, Media, Kids, Creativity & Style, Feed the Planet, Wellbeing.

 A questi si aggiungono altri focus speciali, studiati apposta per questo semestre e questo programma: focus Piccolo Teatro d’Europa, focus Teatro alla Scala, focus Orchestre d’Europa, focus Organo, focus La Grande Guerra, focus la Verdi kids, focus zona K: una serie di ulteriori indicatori per consentire una ricerca rapida all’interno del programma in base ai gusti e alle esigenze di tutti.

Pubblicità