Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Pubblicità
Pubblicità

Navigli: un ciclo di incontri, musica ed arte per raccontare la Milano d’acqua del passato e del futuro

“Parole, suoni e colori in attesa dell’acqua”. Il programma di incontri per parlare del Naviglio come specchio dei milanesi e culla della loro cultura storica si rivela fin dal titolo.

navigliChiusaLeonardesca300Attesa è la parola chiave, ad indicare la speranza con cui moltissimi cittadini ricordano la Milano delle cartoline in bianco e nero, quelle in cui le acque dei canali ancora cingevano tutto il centro storico e ne definivano la quotidianità, sperando di intravedervi uno scorcio del futuro di riqualificazione e riapertura della rete idrica coperta negli anni Venti. Su iniziativa dell’ICS Milano Spiga, con il patrocinio di Comune di Milano, Municipio 1, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, è nato CONCArte, un progetto di tutela e valorizzazione della Conca leonardesca dell’Incoronata, monumento in adozione alla scuola, che si propone di creare in città occasioni di conoscenza e diffusione culturale dedicate ai Navigli: cinque appuntamenti – dal 29 marzo al 31 maggio – per discutere delle prospettive di riapertura, a cominciare dagli scritti letterari dedicati all’acqua e al suo ambiente cittadino, primi tra tutti quelli di Leonardo Da Vinci, in una cornice musicale.

 “Il dibattito politico ed amministrativo sulla prospettiva di riapertura dei Navigli - afferma la vicesindaco e assessore all’Educazione, Anna Scavuzzo - si è concentrato finora sugli aspetti ambientali ed urbanistici del tema, analizzando – come è giusto – le notevoli possibilità di riqualificazione del tessuto cittadino e le conseguenti ricadute ambientali ed economiche. Ma affinché il sogno diventi progetto, è necessario che la storia e il futuro possibile dei Navigli tornino ad essere patrimonio culturale condiviso da tutti i milanesi”.

 Ciascun incontro sul tema dei Navigli inizierà con un richiamo storico e porterà all’apertura di un tavolo di lavoro, corrispondente al tratto dei Navigli da riaprire, con esperti tecnici, studiosi, politici e cittadini, per raccogliere spunti di riflessione utili al nuovo progetto di città. Testimonianze e contributi verranno raccolti nella piattaforma dell’Eco Museo

 “Nel costante lavoro di ricerca didattica dell’ICS Milano Spiga – spiega la dirigente scolastica Armida Sabbatini - il territorio è vissuto come risorsa pedagogica e culturale, parte attiva e protagonista di una cittadinanza attiva fin da giovanissimi. Per questo abbiamo sviluppato il progetto ‘Storia e Memoria, Conosci e vivi il tuo Quartiere’, che già ci ha portato a vincere la medaglia d’oro del concorso nazionale indetto da MIUR, MIBACT e Fondazione Napoli99, e che ora proseguiremo con le attività di conoscenza e valorizzazione del monumento della Conca dell’Incoronata che la scuola ha adottato. CONCArte, in questa seconda edizione estesa a tutta la città, promuoverà percorsi di studio del quartiere, della sua storia e trasformazione, così come del suo presente, insegnando a immaginare il suo possibile futuro”.

 “Da circa dieci anni la nostra associazione propone di riaprire i canali che furono chiusi dal ’29 in poi. Molti passi sono stati fatti – sottolinea Roberto Biscardini, presidente dell’Associazione Riaprire i Navigli - ma adesso bisogna avviare processi di partecipazione informata, divulgazione e sensibilizzazione sul tema e sui vantaggi che la città potrà averne. Le iniziative promosse dalla scuola di via Spiga aprono ora una prospettiva culturale di grandissimo interesse”.

Altri articoli della categoria

Pubblicità