Utilizziamo cookies per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Continuando a visitare questo sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookies.

Pubblicità
Pubblicità

Si apre il 7 maggio la VI edizione della rassegna “Palazzo Marino in musica”

Sarà dunque la musica del Seicento la protagonista dei sei concerti che si succederanno da maggio a novembre a

palazzoMarinoMusica350Palazzo Marino in Sala Alessi (ingresso gratuito), in un percorso che si snoderà attraverso l’intricato gioco di stili dei compositori a lui contemporanei: da Biagio Marini a Giovanni Gabrieli, da Girolamo Frescobaldi a Tarquinio Merula, e molti altri ancora.

 A dare avvio alla stagione, domenica 7 maggio alle ore 11, sarà l’Ensemble “Consonanze Stravaganti”, mentre a giugno un concerto proposto dall’Istituto di musica antica della Civica scuola di musica “Claudio Abbado” – Fondazione Milano celebrerà la scuola veneziana, alla quale approdarono i più grandi compositori italiani.

 L’appuntamento di luglio vedrà il “Milano Saxophone quartet” interpretare le trascrizioni sorprendenti di composizioni di Scarlatti, Frescobaldi, Malipiero, Gabrieli e Gesualdo Da Venosa, oltre alla “Toccata” dell’Orfeo di Monteverdi; mentre il 3 settembre gli allievi della Scuola musicale di Milano dipingeranno un affresco della musica europea ai tempi di Monteverdi, in particolare di quelle nuove forme della musica da ballo che in quei tempi stavano facendo il loro festoso ingresso in tutte le corti d’Europa.

 L’evento di punta della stagione 2017 sarà il concerto di domenica 1° ottobre, quando giungerà da Cremona uno dei più antichi violini al mondo, il “Carlo IX” realizzato tra il 1566 e il 1570 per le nozze reali francesi da Andrea Amati, fondatore di una delle prime e più importanti famiglie di liutai italiani. A suonarlo uno dei più importanti violinisti italiani, Federico Guglielmo, accompagnato da Diego Cantalupi alla tiorba e chitarra.

 La concomitanza del concerto con l’inaugurazione, il 28 settembre, della mostra “Dentro Caravaggio”, allestita nelle sale di Palazzo Reale fino al 29 gennaio, è anche occasione per mettere in evidenza il legame simbolico e artistico tra la figura di Claudio Monteverdi e il più importante pittore del suo tempo: Michelangelo Merisi. Grande è infatti l’affinità tra i due artisti, che più di ogni altri hanno segnato la storia dell’arte italiana del Seicento. Lo stile concertato monteverdiano trasporta in musica quei chiaroscuri che rendono le opere di Caravaggio uniche al mondo.

 Questa edizione di “Palazzo Marino in musica” si concluderà a novembre ritornando a Monteverdi con alcune delle sue più belle arie eseguite dal soprano tedesco Anna Kellnhofer accompagnato dal liutista Massimo Lonardi.

 La rassegna “Palazzo Marino in musica” è sostenuta da Intesa Sanpaolo con il contributo di Suez Degremont. Il progetto è stato promosso nel 2012 dal consigliere comunale Filippo Barberis e con l’idea di eleggere Sala Alessi a nuovo palco per la musica classica. La direzione artistica è curata da Ettore Napoli e Davide Santi all’interno di una produzione affidata a Rachel O’Brien.

 Ingresso gratuito

Pubblicità